Notice
  • EU e-Privacy Directive

    Questo sito utilizza cookies tecnici e sono inviati cookies di terze parti per gestire i login, la navigazione e altre funzioni. Cliccando 'Accetto' permetti l'uso dei cookie, altrimenti nessun cookies verrà installato, ma le funzionalità del sito saranno ridotte. Nell'informativa estesa puoi trovare ulteriori informazioni riguardo l'uso dei cookies di terze parti e la loro disabilitazione. Continuando nella navigazione accetti l'uso dei cookies.

    Visualizza la normativa europea sulla Privacy.

Il Mercatino di Natale

Anche per questo Natale la Tartuca ha allestito il mercatino nella suggestiva cornice del nostro Chiassino. La Compagnia di Sant'Agata e i Delegati alle Feste con il prezioso aiuto del Consiglio di Castelsenio organizzando in modo elegante e festoso i banchini, hanno reso una domenica di dicembre in una felice giornata pre natalizia. Un piatto di tortellini, un gotto di vin brulè, fritti, salsicce alla brace, aperitivi e banchini con manufatti, dolci, e libri contradaioli. La sera è stata allietata anche da un divertente momento teatrale dell'eclettico Edoardo Fontani e dai canti del Coro delle Murella guidato dal nostro Ranieri Carli. 

 

Le parole dell'On.do Rettore in occasione dell'apertura dell'anno contradaiolo

Pubblichiamo le parole pronunciate dall'On.do Rettore del Magistrato delle Contrade in occasione dell'apertura dell'anno contradaiolo.

 

Eccellenza,

le porgo il saluto dei Priori e dei Popoli delle Contrade di Siena, riuniti in Cattedrale per celebrare nel giorno della festa di Sant’Ansano l’apertura dell’anno contradaiolo e per rinnovare, insieme alle autorità cittadine e ai rappresentanti delle istituzioni, la devozione alla Vergine Maria, Protettrice della nostra comunità civica, Madre di grazia e di Misericordia.

Questa festa vede l’incontro armonioso tra fede e laicità: il percorso che dalla piazza ci ha condotti in Duomo accompagnati dal suono dei nostri tamburi e dai colori delle nostre bandiere, così come il rito solenne che stiamo per celebrare insieme ai nostri correttori, è la rappresentazione ideale di una concezione millenaria della vita e della società che hanno il loro asse nel tempio e nel palazzo, una concezione che riconosce l’autonomia delle rispettive sfere di azione ma sottolinea anche la necessaria condivisione di profonda moralità e senso civico. In un tempo liquido e frivolo come quello attuale, che fatica a riconoscere ogni autorità e che tende a rifiutare ogni appartenenza in nome di un individualismo esasperato e di logiche troppo spesso egoistiche, le nostre Contrade sono un bene prezioso, una possibile stella polare cui affidarsi. Perché i nostri popoli spontaneamente aderiscono ad un rigoroso sistema di credenze, di comportamenti, di riti, sacri e profani, che consentono loro il rispetto reciproco e che garantiscono la continuità e la sintesi fra passato, presente e futuro.

Il senso di appartenenza e di responsabilità, la fedeltà alle proprie radici, la vocazione al sociale, l’orgoglio di essere senesi, i sentimenti sinceri dei contradaioli, fanno della tradizione un principio vitale: non il ricordo consolatorio di un tempo che fu, ma il seme fecondo per costruire giorni migliori. Oggi si apre un anno nuovo: la doverosa riflessione sulle esperienze vissute non deve perciò essere offuscata dal rimpianto per ciò che è andato perduto, per distrazione o scelte improvvide; dalla consapevolezza lucida di ciò che è stato deve piuttosto trarre una prospettiva. Nella certezza che le nostre Contrade, custodi secolari dei valori fondanti di questa comunità civica e della bellezza di questa città, continueranno ad essere interlocutrici attente e propositive per le istituzioni, l’augurio che a nome dei Priori rivolgo a tutti noi è che lo sguardo benevolo della Vergine ci guidi verso la saggezza, ci doni l’intelligenza e la lungimiranza che ci permettano di indicare alle generazioni future un nuovo orizzonte.

Il Magistrato delle Contrade

Ultimo aggiornamento (Venerdì 02 Dicembre 2016 14:25)

 

Le Nostre Nuove Monture

Un contributo all’eleganza della nostra comparsa

Il Paggio di RappresentanzaLa nostra Contrada, oltre ad aver approvato la realizzazione dei costumi di rappresentanza nella Assemblea generale del 25 luglio, ha anche deciso di procedere al rinnovo dei costumi del giro che, pur avendo svolto egregiamente la loro funzione ed avere esaltato per molti anni l’eleganza dei nostri monturati, risultano ormai troppo logorati dal tempo e dall’uso. Dopo un “concorso” aperto a tutti i contradaioli che hanno voluto partecipare, l’Assemblea generale del 26 settembre u.s. ha scelto i bozzetti per la realizzazione.

Come si può ben immaginare l’impegno economico che la Contrada deve affrontare è molto rilevante ed è per questo che mi rivolgo a tutti i contradaioli per affrontare insieme questo sforzo e far sì che la Tartuca e i nostri monturati possano di nuovo mostrarsi alla città con l’orgoglio di chi sa di indossare i colori più belli di Siena.Il Tamburino di RappresentanzaGli Alfieri di Rappresentanza

Visto il successo della precedente ed analoga iniziativa messa in campo negli anni appena trascorsi per il nuovo Museo, non nascondiamo di nutrire la speranza di ottenere un analogo risultato, perché siamo convinti che la generosità dei tartuchini ha davvero pochi limiti e che noi tutti siamo animati da un profondo spirito di sacrifico per la nostra Contrada.

 

 

“LE NOSTRE NUOVE MONTURE” è il nome di questa nuova iniziativa per il reperimento dei fondi necessari: ognuno di noi deve infatti sentirsi veramente attivo protagonista di questa promozione, contribuendo nella maniera e nella forma che riterrà più opportuna.

L’intervento di sottoscrizione potrà avvenire in più modi:

  • in un'unica soluzione
  • frazionando la somma pattuita in 24 rate mensili
  • nella forma che verrà indicata dall’interessato

Gli Alfieri del GiroIl Tamburino del GiroGli Alfieri del Giro

A tale scopo l’Assemblea Generale dello scorso 6 giugno ha nominato una Commissione Finanziaria, formata da Giordano Barbarulli, Simone Ciotti, Mauro Franchi, Luca Guideri e Lorenzo Tarli, che resterà in carica fino alla fine del 2018. La Commissione farà riferimento al Priore ed al Vicario Generale, il Camarlengo sarà l’unica persona incaricata ad incassare i contributi.

La Commissione è a disposizione per tutti i chiarimenti del caso, per sciogliere ogni dubbio e per rendere ancor più partecipi di quanto di bello stiamo per realizzare nella nostra Contrada.

Riferimenti persone:

 

  • Giordano Barbarulli 339 8924613
  • Simone Ciotti 335 7487826
  • Mauro Franchi 347 6775288
  • Luca Guideri 347 3004561
  • Lorenzo Tarli 338 9933986

 

Ultimo aggiornamento (Martedì 22 Novembre 2016 23:38)

 

Il Capitano ha giurato, avanti tutta!

"La nostra è una ennesima dimostrazione di compattezza e solidità. Orgoglioso e fiducioso, il peso di questa enorme affetto sarà di ulteriore sprone per fare il massimo e ancora di più". Con queste parole Gianni Cortecci, confermato Capitano della Tartuca anche per il biennio 2017-2018, ha voluto salutare tutti i tartuchini presenti all'Assemblea generale di insediamento, tenutasi ieri sera, venerdi 11 novembre. Come da Statuto il Capitano dopo aver prestato giuramento, ha informato l'Assemblea delle nomine all'interno della dirigenza Palio, e di quelle di tutti i collaboratori. Sono confermati nei loro incarichi di mangini Michele Bernardoni, Gianluca Pocci e Luigi Ciofi mentre lascia per motivi personali Fabiano Valmori che sarà sostituito da Luca Sprugnoli. Confermata tutta la Stalla con Riccardo Salvini barberesco e i vice Matteo Anichini e Giovanni Bernardoni. Entrano come giovani collaboratori della Stalla Tommaso Signorini, Stefano Terrosi e Thomas Bertino. Addetto alle riprese televisive sarà ancora Alessandro Semplici. Collaboratori del veterinario sono come sempre Franco Ganghini, Simone Ciabatti e Matteo Ciacci. Tra i guardiafantino, Laerte Mulinacci si aggiunge al gruppo formato da Duccio Sampieri, Matteo Pagliantini e Federico Landozzi.  Adesso, come ha annunciato il Capitano, occorre fare bene i partiti con la "Dea Bendata"!