Visite museo

E' possibile visitare il sistema museale della Contrada scrivendo a:

museo@tartuca.it

Com'eravamo
Mailing List
Iscriviti alle newsletter del sito!

Dopo la conferma del tuo indirizzo email, i tuoi dati verranno verificati nel nostro archivio del protettorato.
Login
Area riservata



Notice
  • EU e-Privacy Directive

    Questo sito utilizza cookies tecnici e sono inviati cookies di terze parti per gestire i login, la navigazione e altre funzioni. Cliccando 'Accetto' permetti l'uso dei cookie, altrimenti nessun cookies verrà installato, ma le funzionalità del sito saranno ridotte. Nell'informativa estesa puoi trovare ulteriori informazioni riguardo l'uso dei cookies di terze parti e la loro disabilitazione. Continuando nella navigazione accetti l'uso dei cookies.

    Visualizza la normativa europea sulla Privacy.

Caccialupi, festa con il coro delle Murella

Proseguendo nella volontà di collaborazione con gli enti presenti nel territorio, la nostra Contrada anche quest'anno ha partecipato, insieme alla Contrada Capitana dell'Onda,  alla "Festa di fine estate" organizzata dalla residenza assistenziali "Caccialupi" di via P.A. Mattioli. Dopo il grande successo della "Lugliolata", il coro della Tartuca, che è aperto alla partecipazione di tutti i contradaioli, ha ripetuto l'esibizione sotto la direzione artistica del maestro Ranieri Carli, per allietare la serata agli ospiti presenti. La nostra appassionata contradaiola Ines Barontini che risiede nella struttura gestita dall'Asp di Siena, ci ha fatto dono, a nome di tutti i presenti, di un bellissimo manufatto riproducente lo stemma della Tartuca. Il Vicario generale Antonio Carapelli ha guidato la nostra allegra comitiva, mentre alcune tartuchine hanno anche aiutato a predisporre il buffet per la cena. E' stato un bel momento di solidarietà contradaiola unito alla soddisfazione di donare un sorriso ed un abbraccio agli anziani della residenza nella magica atmosfera dei canti senesi.

 

S.O.S. Terremoto centro Italia

Stanotte una parte d’Italia è stata svegliata da una catastrofe che, purtroppo, ha portato via, oltre a monumenti e palazzi, decine di vite umane.

Sebbene non sia arrivata, al momento, nessuna richiesta specifica per la nostra regione numerose persone nelle zone colpite necessitano di sangue ed emoderivati.

Il nostro gruppo ha deciso di attivarsi per rispondere a questa tragedia invitando tutti i contradaioli a recarsi al centro emotrasfusionale più vicino per aiutare ad affrontare questa situazione di emergenza.

Vi invitiamo a rispondere numerosi al nostro appello, muniti di documento d'identità e codice fiscale, facendo si che questa situazione possa essere affrontata nel migliore dei modi mettendo nelle mani dei soccorritori tutti gli “strumenti” di cui avranno bisogno.

Leonardo Casini
Gruppo Donatori Sangue della Contrada della Tartuca "Ugo Talluri"

Ultimo aggiornamento (Mercoledì 24 Agosto 2016 20:14)

 

Cappotto, quando la storia si ripete

Scompiglio come Ganascia, Preziosa Penelope come Folco, il Palio replica un copione di oltre ottanta anni fa, a dimostrazione che nella nostra Festa non c'è nulla di definitivo, nessun evento straordinario può essere unico. In una corsa leggendaria, alla Tartuca, la sorte ha assegnato il ruolo importante ma allo stesso tempo penalizzante della rincorsa. In definitiva il Palio, nel dipanarsi della corsa,  ha rispettato il valore dei barberi favoriti nella vigilia. Da subito abbiamo capito che Trecciolino e Mississippi dalla posizione di ricorsa non potevano essere protagonisti nella lotta per le prime posizioni come speravamo. E così anche le strategie dei nostri dirigenti non potevano essere espresse al massimo senza quel pizzico di fortuna nell'ordine al canape.  E' stato un duello più che una battaglia -  fotocopia del Palio di luglio - ed alla fine non rimane che rimboccarci le maniche perchè da oggi inizia il Palio del 2017, nella consapevolezza di avere una Contrada unita e serena ed un popolo che ha saputo godere con felicità ed emozione questi quattro giorni di Palio. La Tartuca, per chi sa leggere il Palio, è sempre presente nelle dinamiche più rilevanti, e costruisce la propria politica attraverso un ininterrotto ultraventennale percorso di seria strategia, lo sta a testimoniare la presenza di sette ex Capitani in prima fila dietro il cavallo.

(nella foto in alto: Ganascia e Folco nel 1933; sotto la benedizione del cavallo, effettuata, eccezionalmente, fuori dall'Oratorio)

Ultimo aggiornamento (Sabato 20 Agosto 2016 14:11)

 

Il ritorno di Trecciolino. Adesso sì, tutto è possibile...

Trecciolino ritorna in Castelvecchio, dopo sei anni, per montare Mississippi (11 anni) un barbero già vittorioso nell'Oca nel Palio di luglio del 2011. E' il sesto Palio con il giubbetto giallo e celeste, 3 le vittorie (come il mitico Ganascia) , numeri che impressionano, e che segnano il libro della storia tartuchina. Tutto il popolo ha accolto l'arrivo di Trecciolino con l'affetto e l'abbraccio che merita colui che ha reso più volte i tartuchini felici.
Dopo la prova di stamani, 14 agosto, si è svolta la colazione dei Piccoli tartuchini con il fantino, un simpatico appuntamento che ormai da qualche anno caratterizza la giornata della prima prova di mattina. Davanti a loro i nostri alfieri di Piazza hanno provato per l'ennesima volta la loro sbandierata, un bel momento di vita contradaiola, nell'attesa della Cena di domani, durante la quale si mescoleranno  sentimenti  di speranza e auspici di vittoria.

Ultimo aggiornamento (Domenica 14 Agosto 2016 13:57)