Notice
  • EU e-Privacy Directive

    Questo sito utilizza cookies tecnici e sono inviati cookies di terze parti per gestire i login, la navigazione e altre funzioni. Cliccando 'Accetto' permetti l'uso dei cookie, altrimenti nessun cookies verrà installato, ma le funzionalità del sito saranno ridotte. Nell'informativa estesa puoi trovare ulteriori informazioni riguardo l'uso dei cookies di terze parti e la loro disabilitazione. Continuando nella navigazione accetti l'uso dei cookies.

    Visualizza la normativa europea sulla Privacy.

I confini della Tartuca

Il documento legislativo che va sotto la denominazione di Bando di Violante di Baviera e  regola i confini tra le Contrade fu, appunto, bandito il 7 gennaio 1730 (1729 nello stile senese) dopo che la relazione denominata "Nuova divisone dei confini tra le Contrade" era  stata restituita  dalla Consulta del Governo il 13 settembre 1729 alla Balìa, con la scritta "Approvasi".

"Tartuca n.3 - Dall'ospizio di S.Lucia esclusive comprenda la strada dell'Ellera da ambe le parti, convento, chiesa e piazza di S.Agostino, convento e case de Padri della Rosa e tutta la strada fino a porta Tufi. Dall'arco di S.Agostino prenda solo a man sinistra ed occupi da ambe le parti la via de Maestri, siccome la via delle Murella fino all'arco delle monache di Castelvecchio, comprendendo la via di Castelvecchino e Castelvecchio e scendendo per la costa in faccia alla chiesa di S.Pietro termini alla crociata di dette tre strade dette della Porta all'Arco, attenendosi in detta crociata solo a man destra.

 

 

 
Altri articoli...