E' stata una bellissima serata, per nulla danneggiata da una leggera pioggerellina che ha fatto slittare di una mezz'ora l'inizio dell'ultimo appuntamento per celebrare la 53esima vittoria e mezzo riportata nel Campo. Presenti oltre 500 commensali tra cui i nostri graditissimi ospiti: il Maestro Franco Fortunato, gli amici del Quartiere Ruga Massimo Macinai e Maddalena Sanfilippo e la docente del Liceo Classico in rappresentanza del Prof. Raffaele Bonavitacola che ci ha gentilmente concesso l'uso del cortile. Prima della tradizionale cerimonia di consegna dei regali il Priore Simone Ciotti ha voluto ringraziare i molti tartuchini che hanno in vario modo collaborato alla buona realizzazione dell'evento: le donne della cucina (Aura, Francesca, Antonella e tutto l'affiatato gruppo), gli economi con in testa Giancarlo, i delegati alle feste coordinati da Gianni Betti, i ragazzi che hanno realizzato gli splendidi ed emozionanti inserti video con a capo Giacomo, i ragazzi di Porta all'Arco e le donne di Sant'Agata. E poi anche il solito Roberto "delegato all'elettricità", Elena, gli instancabili Enzo Pacchiani e il Belleschi. Insomma una Contrada concreta e unita, come è stata definita con una felice citazione dal Priore. Massimo il Capitano imbattutto, è stato acclamato da tutti i tartuchini presenti che lo hanno salutato con la gratitudine che merita. Nelle sue parole del discorso ufficiale, forti sono stati i richiami a mantenere questa forza e questa coesione interna, per proseguire nel cammino tracciato da lui e da chi lo ha preceduto. Come da tradizione, il Palio è stato liberato dagli orpelli che lo hanno coronato per tanti mesi, attraverso i regali alla Deputazione, ai Tenenti, al Priore e naturalmente al Capitano a cui va in dono l'asta. Massimo ha voluto regalare al valoroso fantino Luigi Bruschelli detto Trecciolino una preziosa serie di monete personalizzate rappresentanti le vittorie riportate con il giubbetto della Tartuca.

Alcune foto della serata sono visibile nella galleria immagini

BOTTYOUTUBE OK

Personaggi e Luoghi

Galliano Gigli

Galliano Gigli

Galliano Gigli. Nelle cose che amava vivrà il suo ricordo Lo rivedo ancora gridar, desolato e pallido venendo su di Read More
Fisiocritici e Orto botanico

Fisiocritici e Orto botanico

L’accademia dei Fisiocritici e l'Orto botanico L’Accademia dei Fisiocritici nacque nel 1691 su iniziativa del suo ideatore e promotore Pirro Read More
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8