Qualche giorno fa, Marisa Minucci Granata ha regalato alla Contrada un pezzo di storia tartuchina, conservato dalla sua famiglia con tanta cura e attenzione.

Ad ottanta anni dal cappotto del 1933 è tornato a far parte del nostro patrimonio uno dei regali ai commensali di quella Cena della Vittoria, che fu allestita in una Via Tommaso Pendola memorabilmente addobbata. Il mini stendardo celeste e giallo, dedicato a sinistra alla vittoria del luglio e a destra a quella di agosto, che è molto ben conservato e fa rivivere a pieno la magia dello storico evento, troverà la sua definitiva collocazione all'interno della teca dedicata agli anni del T.O.N.O. nel nostro Museo (link).

Il dono sottolinea ancora una volta come sia condiviso e ben radicato nei tartuchini l'attaccamento a tutti gli aspetti della vita contradaiola ed è anche grazie alla sensibilità dei contradaioli che possiamo essere orgogliosi di possedere un così ricco patrimonio.

Grazie ancora di cuore a Marisa per il suo bellissimo gesto.

BOTTYOUTUBE OK

Personaggi e Luoghi

Galliano Gigli

Galliano Gigli

Galliano Gigli. Nelle cose che amava vivrà il suo ricordo Lo rivedo ancora gridar, desolato e pallido venendo su di Read More
Fisiocritici e Orto botanico

Fisiocritici e Orto botanico

L’accademia dei Fisiocritici e l'Orto botanico L’Accademia dei Fisiocritici nacque nel 1691 su iniziativa del suo ideatore e promotore Pirro Read More
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8